Novità

Ultime notizie e novità dal mondo SAM…

Per iscrivervi o chiedere informazioni contattateci ai seguenti recapiti:
BACCELLO Maurizio, Via Unità d’Italia, 16 – 44020 – Bosco Mesola (FE) – IT
e-mail: [email protected]

TERMINE ISCRIZIONI

Le iscrizioni debbono pervenire tassativamente alla direzione gara
entro il giorno 08/06/2014



La giornata delle riproduzioni

Raduno per aeromodelli riproduzione!
Partecipare è semplice e gratuito!!

Inviate una mail a [email protected] indicando i vostri dati
e il modello con cui vi presenterete.

Domenica 22 Giugno dalle ore 10:30 sino alle ore 17:00

Documento0-001

Banchetto

http://www.prolocomesola.it

Per la serata del 26 Giugno, alle ore 20.30,  è prevista una cena conviviale all’interno del Castello Estense,  sito in Mesola (FE), piazza Umberto I°,  al prezzo di € 25,00 a persona.

tavolata

CASTELLO ESTENSE della MESOLA

castello

L’edificazione del suggestivo complesso architettonico del Castello di Mesola ebbe inizio nel 1578 per volere del Duca Alfonso II, ultimo discendente della dinastia degli Este che desiderava lasciare un segno importante sul territorio Ferrarese costruendo una residenza di corte sfarzosa al punto da poter competere per dimensioni e magnificenza con il più antico Castello di Ferrara, simbolo assoluto del dominio Estense.
Quattro imponenti torri, mura merlate, grandi finestre fanno del Castello una struttura a metà tra una fortezza e una dimora di lusso o Delizia, protetta da nove miglia di cinta muraria e circondata da un bosco per la caccia. Secondo l’ipotesi di alcuni storici, questa futura città rinascimentale doveva contrastare il potere di Venezia sull’Adriatico: un progetto ambizioso che necessitava di tempo e di eredi che Alfonso II non riuscì ad avere. Nel 1598 infatti lo Stato Pontificio tornò in possesso del Ducato di Ferrara e di conseguenza anche di Mesola.

Siti turistici

L’Abbazia di Pomposa

AbbPomposaLAbbPomposaR
L’insediamento benedettino sorto tra il VI – VII sec. su un isola boscosa circondata da due rami del fiume e protetta dal mare, divenne dopo il mille un centro monastico fiorente che accolse illustri personaggi, tra cui Guido d’ Arezzo, il monaco inventore della moderna scrittura musicale.
La Basilica in stile ravennate – bizzantino è affiancata da uno slanciato campanile del 1063 e conserva al suo interno un prezioso ciclo di affreschi di ispirazione giottesca e un bellissimo pavimento a mosaico

Trepponti di Comacchio

ComacchioL’elegante ed inconfondibile Trepponti, con le sue imponenti scalinate, è stato progettato nel 1630 come monumentale porta marittima della città di Comacchio.

Faro di Goro

FaroGoroIl Po e i rami del suo Delta formano un suggestivo reticolo di strade naturali da solcare lentamente a bordo di motonavi o piccole imbarcazioni che rilevano l’intima bellezza del suo paesaggio. Si parte da Goro e Gorino con i loro porti pescherecci sulla Sacca di Goro, celebre per gli allevamenti di vongole e cozze. Uno dei punti più suggestivi della navigazione è l’isola dell’Amore dove si erge solitario il Faro di Goro, animato da gabbiani.